Ogni quanto devo calibrare il mio sismografo?

La normativa UNI 9916 prevede il controllo della conformità dei valori rilevati dal sismografo annualmente, come previsto dal costruttore, con appropriati metodi di misura, di trattamento dei dati e di valutazione dei fenomeni vibratori. Con l’uso prolungato i trasduttori dei sismografi possono ridurre la loro precisione. La nostra calibrazione ha una validità certificata di un anno.
CALIBRAZIONE SISMOGRAFI

Quanto tempo ci vuole per effettuare una calibrazione/revisione dello strumento?

Salvo riparazioni da eseguire una calibrazione/revisione viene eseguita in circa 90 minuti. Quindi puoi portarci il tuo strumento da revisionere e sarà pronto in giornata.

Dove trovo il software per scaricare i dati dal mio sismografo?

Basta entrare nella pagina DOWNLOAD del nostro sito e scaricare il software adatto al tuo sismografo.

Dove trovo il manuale d'uso per il mio esploditore/sismografo?

Noi consigliamo di lasciare sotto carica il sismografo tutti i giorni, quando non viene usato. In alternativa è sufficente caricarlo due volte a settimana per mantenere in buono stato di salute la batteria al piombo.

Dove trovo il manuale d'uso per il mio esploditore/sismografo?

Il modem GSM SIEMENS o CINTERION ha un piccolo LED giallo di stato.
Le immagini seguenti spiegano i vari stati in cui il modem si può trovare:

LED SPENTO = MODEM SPENTO

LED LAMPEGGIO LENTO = MODEM NON RIESCE A CONNETTERSI ALLA RETE

LED LAMPEGGIO VELOCE = MODEM AGGANCIATO ALLA RETE IN ATTESA DI CHIAMATA

LED ACCESO FISSO = MODEM CONNESSO CHIAMATA IN CORSO

Come controllo che la porta COM sia corretta?

Ogni quanto devo revisionare il mio esploditore?

Secondo l’Art. 345 del decreto del Presidente della Repubblica del 9 Aprile 1959 n°128 gli esploditori devono essere revisionati ogni 6 mesi.

Art. 345 Gli esploditori portatili devono essere azionabili a mezzo di un dispositivo da inserire nella propria sede solo al momento del brillamento delle mine e che deve essere tenuto in custodia dal responsabile del tiro. Le parti attive degli esploditori sono chiuse in involucro stagno. Gli esploditori sono controllati almeno ogni sei mesi per accertarne la rispondenza delle caratteristiche elettriche essenziali ai requisiti. La verifica ha luogo in laboratori attrezzati. La frequenza e la natura di tali verifiche sono definite nell’ordine di servizio di cui all’art. 305.
SCARICA DECRETO DPR n128 1959-04-09

Dove trovo il manuale d'uso per il mio esploditore/sismografo?

Basta entrare nella pagina DOWNLOAD del nostro sito e scaricare il software adatto al tuo sismografo.

Norme tecniche di riferimento nazionali e internazionali 

A differenza di quanto accade per il rumore al momento non sono presenti leggi nazionali che disciplinino il problema delle vibrazioni.
Tutto viene rimandato alle norme tecniche di seguito indicate.

In ambito nazionale ed internazionale le norme che regolamentano i valori limite di esposizione delle strutture alle vibrazioni sono le seguenti:

  • ISO 4688:2009
  • DIN 4150-3 : Le Vibrazioni nelle Costruzioni: effetti sui manufatti
  • UNI 9916 : “Criteri di misura e valutazione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici”
  • UNI9614 : “Misura delle vibrazioni negli edifici e criteri di valutazione del disturbo”

Altre norme legate ai fenomeni delle vibrazioni sono:

  • UNI 10985 Relativa a Ponti e Viadotti
  • UNI 9942 relativa a Gallerie e Ferrotranviarie

SPECIFICHE :


NORMA ISO 4688
Lo scopo della norma ISO 4688 non è quello di stabilire dei valori limite di soglia, ma bensì di delineare una metodologia di prova e di analisi del segnale. Inoltre nella presente norma viene riportata una dettagliata classificazione delle diverse tipologie di edifici che tiene in considerazione la struttura, le fondazioni ed il terreno e la quale è funzione del “grado di tollerabilità” alle vibrazioni della struttura.


NORMA DIN 4150-3

Questa norma tecnica fa riferimento  ai limiti – soglia di vibrazioni a cui può essere sottoposto un edificio. La norma infatti stabilisce una procedura per la determinazione e la valutazione degli effetti indotti dalle vibrazioni sui manufatti. La norma indica i valori a cui fare riferimento per evitare l’insorgenza di danni nei manufatti, danni intesi come una riduzione del valore d’uso.

DIN 4150 Tab 1NORMA UNI 9916
La norma UNI 9916 non fornisce limiti ben definiti ma una guida relativa ai metodi di misura, di trattamento dei dati, di valutazione dei fenomeni vibratori in modo da permettere la valutazione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici. La norma classifica le definizioni di danno secondo la seguente terminologia: Danno di soglia; Danno minore; Danno Maggiore ad ognuno dei quali è legato un fenomeno più o meno intenso di dissesto del manufatto. La norma di riferimento per l’esecuzione delle misure in sito che permette di ottenere informazioni dirette e rapide sul manifestarsi di possibili fenomeni di danno alla struttura è la DIN 4150-3.

NORMA UNI 9614
Questa norma tecnica disciplina le condizioni di benessere fisico degli occupanti delle abitazioni soggette a vibrazioni. La norma prescrive la valutazione delle accelerazioni rispetto ad un valore di riferimento secondo i tre assi di propagazione. Al fine della valutazione del superamento dei limiti di soglia indicati si considerano livelli di vibrazione continui, non continui o impulsivi. La norma divide l’intera giornata in due periodi, ossia giorno e notte. Questa norma è in accordo con la norma internazionale ISO 2631.